Bicarbonato di sodio e veleno di ragno contro il tumore al seno

Bicarbonato di sodio e veleno di ragno contro il tumore al seno



Le pazienti col cancro al seno hanno oggi a disposizione un gran numero di trattamenti, che vanno dalla chirurgia, alla terapia ormonale, alla chemioterapia. Ma la ricerca non smette di cercare alternative. Gli scienziati dell’Università dell’Arizona hanno vinto 2 milioni di dollari di sovvenzione da parte del National Institutes of Health (Istituto Nazionale per la salute) per sviluppare una cura basata sul più umile dei prodotti che abbiamo in casa: il bicarbonato di sodio. Finora è stato dimostrato, nelle cavie, che il bicarbonato di sodio riduce la dimensione dei tumori contrastando l’acido lattico che si sviluppa quando il tumore cresce. “Assumendo bicarbonato di sodio, le pazienti potrebbero modificare il pH del loro corpo aumentando l’efficacia dei farmaci contro il cancro”, ha detto Mark Pagel, professore associato di ingegneria biomedica e responsabile del progetto di ricerca. L’unico inconveniente è che bere troppo bicarbonato può danneggiare altri organi del corpo, come la vescica e i reni. Ma se pensate che assumere bicarbonato sia una scelta insolita, ecco un’altra sorpresa: veleno di ragno. La scoperta viene dagli australiani. Il loro piano è di mescolare le cellule tumorali con veleno di ragno, in particolare quello della tarantola e dell’Atrax, quest’ultimo tra i 3 aracnidi più velenosi al mondo. La dottoressa Norelle Daly, che sta supervisionando l’iniziativa ed è molto convinta della riuscita, riceverà una sovvenzione di 200 mila dollari dal governo australiano per proseguire l’opera.

Via