Asma? Mancanza dei batteri giusti

Asma? Mancanza dei batteri giusti



Un team di ricercatori, come riporta Science Translational Medicine, ha analizzato i miliardi di batteri che alloggiano normalmente nei nostri corpi e in particolare in quelli di 319 bambini, oggetto di studio, rilevando che i piccoli erano a rischio di asma se nei loro corpi mancavano 4 tipi di batteri. Ne hanno dedotto che “i batteri giusti al momento giusto” potrebbero prevenire allergie e asma. Nel corpo umano batteri, funghi e virus (microbioma) sono molto più numerosi delle cellule, circa 10 a 1. Questo significa che i batteri hanno un grande impatto sulla salute. I ricercatori dell’Università della Columbia Britannica e dell’Ospedale dei Bambini di Vancouver hanno registrato il microbioma dei bambini a tre mesi e ad un anno di vita per poi rilevare la successiva incidenza di asma all’età di 3 anni. Ne è risultato che i bambini privi di 4 tipi di batteri (Faecalibacterium, Lachnospira, Veillonella e Rothia) all’età di tre mesi, erano ad alto rischio di sviluppare l’asma a tre anni. Ulteriori esperimenti hanno dimostrato che dando il cocktail di batteri a cavie che ne erano privi ha ridotto l’infiammazione delle vie aeree ai loro cuccioli. Uno dei ricercatori, il dottor Stuart Turvey, ha detto che potrebbe essere buona cosa dare un supplemento di questi 4 batteri ai bambini nel primo anno di vita in modo da renderli resistenti ad allergie ed asma. Negli ultimi tempi i casi di asma nel Regno Unito sono saliti alle stelle ed oggi ad 1 bambino su 11 viene diagnosticato un problema asmatico. Una ragione potrebbe essere anche la troppa igiene che non permette al bambino di dotarsi di certi batteri, come pure il taglio cesareo e non alimentare il bambino al seno ne alterano negativamente il microbioma. La dottoressa Samantha Walker, della Asthma UK, ha detto: “L’asma è una condizione complessa e questa ricerca suggerisce che il delicato equilibrio dei batteri nel nostro corpo colpisce il nostro sistema immunitario e può avere un ruolo nello sviluppo dell’asma. Proseguendo la ricerca si potranno ricavare consigli utili per i genitori, sviluppare trattamenti e trasformarli in cura contro le allergie e l’asma”.

Categorie Salute