Alt all’uso degli scimpanzé nella ricerca biomedica

Alt all’uso degli scimpanzé nella ricerca biomedica



L’ US National Institutes of Health, il più grande finanziatore al mondo della ricerca biomedica, ha annunciato che sta per ridurre sostanzialmente l’uso degli scimpanzé in laboratorio. La decisione arriva dopo che il rapporto di un Istituto di Medicina (IOM) ha concluso che la maggior parte delle ricerche che utilizzano scimpanzé sono ormai inutili. “Gli americani hanno tratto grandi benefici dal servizio degli scimpanzé per la ricerca biomedica, ma i nuovi metodi e le tecnologie scientifiche hanno reso il loro utilizzo ormai superato”, ha detto il direttore del US National Institutes of Health Francis S Collins, “la loro somiglianza con gli esseri umani li ha resi un valore unico per certi tipi di ricerca, ma si richiede anche una maggiore motivazione del loro uso. Dopo un’ampia considerazione, con la guida di molti esperti, sono fiducioso che ridurre di molto il loro uso nella ricerca biomedica sia scientificamente la cosa più giusta da fare”. Sarà mantenuto un piccolo numero per future sperimentazioni, ma non saranno più allevati allo scopo. Gli altri scimpanzé saranno inviati in pensione in riserve federali. La mossa segue le recenti proposte del US Fish and Wildlife Service (FWS), che elenca gli scimpanzé selvatici fra gli animali a rischio di estinzione. Gli Stati Uniti sono l’unica nazione del mondo sviluppato che utilizza ancora le grandi scimmie come soggetti di ricerca, anche se l’uso di scimmie più piccole è ancora comune in Europa e in molte altre parti del mondo. Gruppi anti-vivisezione hanno espresso il loro disappunto.  Michelle Thew, capo della BUAV,  ha detto che il gruppo animalista si compiace dell’annuncio del  US National Institutes of Health, ma è anche  “estremamente deluso dal fatto che una cinquantina di scimpanzé rimarranno a disposizione per future richieste della ricerca. Il danno psicologico e fisico per gli animali, unito all’inefficacia dichiarata del loro utilizzo negli esperimenti, dimostrano che ci dovrebbe essere un divieto totale dell’uso di scimpanzé nella ricerca. “

Via