Alcool e droga: croce e delizia.

Alcool e droga: croce e delizia.



L’innarrestabile ricerca dello sballo.

Dalla notte dei tempi l’uomo ha cercato il modo di sollevarsi artificialmente lo spirito. Egiziani e Sumeri, migliaia di anni prima di Cristo, conoscevano a perfezione l’arte di preparare vari tipi di birra. Conoscevano anche il suo effetto esilarante che, se dapprima sollevava lo spirito e faceva dimenticare le difficoltà della giornata trascorsa, poteva portare alla sbronza. Fatto sta che alcool, caffeina, tabacco, foglie di coca sono utilizzate da sempre dai vari popoli. Anche nel regno animale ci sono delle specie che sono inclini allo sballo, tipo le api, i lemuri ed i giaguari.
Numerose ricerche sono state fatte negli anni per cercare di stabilire il limite di sopportabilità ed il grado di nocività di queste sostanze. Alle sostanze legali, quali l’alcool, il tabacco e la caffeina, si sono aggiunte via via molte sostanze chimiche illegali e pericolose. Presentiamo una carrellata veloce sulle più conosciute sostanze usate per sollevare lo spirito:

ALCOOL: quasi certamente la sua scoperta è stata del tutto casuale. Gli studiosi ipotizzano che una scorta di grano potrebbe essere finita sott’acqua, per un temporale o altro, e subito dopo essere stata surriscaldata dal sole. Qualcuno, assaggiato quel “brodo”, deve averne intuito le potenzialità. Lo stesso può essere successo con dell’uva schiacciata per errore.
L’uso sconsiderato dell’alcool procura gravi danni al fegato, al cervello e compromettere la fertilità. Pericoloso per le donne bere durante la gravidanza. E’ però vero che, se assunto nelle giuste proporzioni, l’alcool può essere un tonico e, grazie ai polifenoli antiossidanti, aiutare a prevenire le malattie cardiache ed il cancro.

MARIJUANA: una volta appannaggio degli hippy, è ora regolarmente fumata da milioni di persone nel mondo ed in alcuni Stati è legalizzata. Si calcola che negli USA, nel giro di un mese, venga provata da almeno 15 milioni di persone. Alcuni estratti della Cannabis, come il THC, sono utilizzati per dare sollievo a chi soffre di sclerosi multipla, di Alzheimer e di epilessia. Riduce la perdita di peso negli ammalati di AIDS contribuendo a migliorarne l’appetito. E’ però dannosa al cervello; può portare a perdita di memoria, schizofrenia e depressione. Pericolosa per il feto e la fertilità.

ECSTASY: piccole dosi erano usate negli anni 70 dagli psicologi come antidepressivo. Negli anni 80 è stato introdotto nei Rave party e da allora è finita fuori controllo. Si calcola che, nella sola Inghilterra, ben 2 milioni di giovani ne fanno uso il fine settimana. L’uso di questa droga provoca gravi danni al cervello, compromettendo i neuroni che producono la serotonina e riducendo le capacità di memoria. Gli utilizzatori possono morire per un brusco aumento della temperatura corporea o per un eccessivo accumulo di acqua nel cervello.

COCAINA: le foglie di cocaina sono state usate dai Nativi americani del sud America, negli ultimi 3.000 anni, come un delicato stimolante. Usata nel secolo scorso come anestetico locale, attorno agli anni 70 è diventata una droga di strada. E’ usata da milioni di persone nel mondo ed una buona percentuale di questi finisce al Pronto Soccorso per attacchi di cuore ed altri dannosi effetti collaterali. Agisce sul sistema dopaminico presente nel cervello alterando frequenza cardiaca e pressione sanguigna innestando istinti violenti. La cocaina crea una elevata dipendenza e dai sondaggi risulta che, per molti, anche una sola dose può portare a questo.

NICOTINA: è presente nelle foglie del tabacco, che gli indiani d’America hanno imparato ad utilizzare già 8.000 anni fa. In Europa è stata introdotta dopo la scoperta dell’America ed è diventata subito uno “status symbol” da parte dei ricchi signori. Con l’invenzione della sigaretta è arrivata su tutte le labbra ed è oggi a diffuzione capillare. La medicina ha scoperto più di 40 sostanze cancerogene collegate al tabacco, le quali possono innescare il cancro ai polmoni, ai reni, al pancreas, al cervello e allo stomaco. Molto si sta facendo per disincentivarne l’uso, ma con scarsi risultati. Anche il fumo passivo è dannoso, specie per i bambini che vivono con genitori fumatori.

CAFFEINA: presente in una sessantina di specie vegetali, fra le quali caffè, tè e cioccolato, è senz’altro lo stimolante più popolare al mondo. Il tè, in particolare, è popolare in Cina da più di 3.000 anni. Da tutti è utilizzata la caffeina per aumentare la concentrazione e lo stato di veglia. La caffeina stimola principalmente le funzioni del cuore, della pressione sanguigna e dei polmoni. Non ci sono evidenti collegamenti fra malattie tumorali e la caffeina, mentre può dare problemi di insonnia e di ansia se assunta con abbondanza. La caffeina viene anche utilizzata da produttori di soft-drink per fidelizzare i loro clienti.